venerdì 26 novembre 2010

vorrei essere pura come la neve

domenica 21 novembre 2010

chimera

sto aspettando una tua mossa,
belva eterea e fuliginosa.
questa volta l'attesa sarà più straziante del solito,
forse per il cielo che c'è o per il tempo che è stato.
guardo Aiace ed Inanna, che nomi sacrileghi ho dato a quelle povere creature che ho destinato a vivere assieme ma sole, forse per renderli più forti per il nome che portano.
allora vorrei chiamarmi in modo diverso, vorrei trovarmi in un posto diverso, non perché sono costretta nel luogo in cui sono, ma perché da sempre sento di arrivare da una radice lontana, che non conosco ma mi manca.
poco.

venerdì 19 novembre 2010

l' egoismo e la gelosia mi offuscano i sensi

sabato 13 novembre 2010

lo so sono patetica, non serve che me lo dica anche tu.
sono banale e scontata... non importa.

non scriverò di te e per te se lo preferisci.
mi spiace apparirti noiosa e ripetitiva.

venerdì 12 novembre 2010

ormai mi sono persa
creatura d'autunno, non mi aspettavo di vederti ieri,
ma sei comparsa ancora una volta, a chi devo questa fortuna? questo dono
che provoca fantasie infondate ed inaffondabili?
crea pace nelle mie terre
m'immergo nel verde di una prateria e ne esco con altre vesti non mie, non ora, non qui.

sabato 6 novembre 2010

mia amata presenza








lasciami dormire, una volta sola.
ho tolto gli orecchini di onice, cadono sempre per terra e si impigliano fra i tuoi capelli più neri di loro
sei magica mia presenza che non mi fa calare nel sonno
ti adoro e ti odio
vorrei distruggerti e sparpagliare i tuoi pezzi
ma poi ti ricomporrei con devozione
e bacerei le tue guance pallide con bramosia

giovedì 4 novembre 2010





Scommetto che arriverai nel momento meno opportuno, quel momento quando resto da sola con la mia anima, vorrai toccarla anche tu, ma la ferirai, la ferisci anche solo guardandola.
ma a te cosa può interessare, a te bastano zucchero e fiori rossi, nulla di brutto solo profumi, incensi e baci. Baci che solo da me derubi.
Mi impoverisci con il tuo furore, mio soldato, combattente che non vuole guerre se non quella al fronte, fra noi sarà profumo nell'aria e putridume nella mia piccola anima crivellata dalle tue armi, nella tua non so cosa c'è non riesco a vedere fra la nebbia delle mie illusioni

Nightwood