venerdì 6 luglio 2012

tutto inizia da capo, è come un anno fa, ma con un anno di vita che vale per tre in più.

giovedì 24 novembre 2011

Non riesco a separarmi dalla tua foto sul mio comodino.
Una volta è caduta e mi sono sentita in colpa.
C'è sempre un incenso acceso per te, ti comprerò dei fiori profumati e bianchi come il tuo incarnato.
Vorrei donarti tutto quello che ho. 
Ti penso sempre come ad un personaggio di un libro, come ad uno di quegli spiriti eterei che mi vengono a trovare in sogno.

martedì 22 novembre 2011

fumerò i resti delle tue sigarette se me lo permetterai, lasciami un posto di fianco a te se vuoi,
sarò silenziosa.
mi farò piccola se me lo chiedi, non ho volontà, ma orgoglio.
lo terrò per me se mi parli e chiedi come sto.

martedì 8 novembre 2011


il tempo fugge, il giorno e la notte ne sono testimoni.
non ti chiederanno perdono, non lo chiedono mai.
sono inesorabili, si tralascia e trapassa, ma non si dimentica.
non si dimentica quasi mai.

venerdì 4 novembre 2011

ti verrò a trovare prima o poi e accarezzerò di nuovo il tuo profilo con una coscienza diversa.
poco più di due mesi ed il mondo mi è caduto addosso un infinità di volte, ed altrettante volte sono riuscita a vedere oltre le nuvole più alte.
nulla è però chiaro, credo e suppongo, mi predispongo al destino che mi chiama in due posti diversi, per luogo e diversi per tempo.
la tua pelle bianca è un richiamo irresistibile, ma ho paura di aver baciato quella purezza troppe volte e forse le mie labbra piangono il ricordo non il cuore.
è notte e non riesco a dormire, le parole mi rimbombano nella testa e la tua voce mi attanaglia il corpo. il tuo me lo ricordo bene, e mi ricordo bene anche il tuo odore.
la vita come una pianta rampicante ha avvolto il mio tronco e mi ha portato in un altro posto

Strange, what loves does
So strange, what love does
So strange, what love does
So strange, what love does
When your all alone
Strange, what flies with ghosts of love
Ghosts of love


tu cosa senti?

domenica 23 ottobre 2011

e la cosa che di più vorrei al mondo sarebbe cancellare tutto quello che è stato e non esistere

I SUPPOSED TO DIE


























oggi mi sono sentita sangue, le mie gambe, i miei passi, si sono arenati ed infossati
un cerchio di sabbia che il mare cancella e m'illudo, e non mi accorgo dell'inganno, e non mi accorgo del tonfo dei piedi, attendo, nulla, basta che mi chiedi.
sai che mi hai preso, non me ne posso andare, sai che se mi stringi il collo non desisto, mi abbandono.

sabato 15 ottobre 2011

pensavo di essere sicura della decisione, invece mi accorgo che sto perdendo tutto, anche i capelli che mi scivolano via dal capo con una frequenza inaudita.
credo che la cosa migliore sia lasciarmi andare al tempo e vedere cosa succede.
è sempre la cosa migliore...

venerdì 14 ottobre 2011



lasciati andare dama