mercoledì 31 agosto 2011

è un enorme senso di responsabilità quello che mi sento addosso.
soffocante.
una sensazione di debitrice verso tutti.
ricevo troppo per quello che ho mai dato, e questo mi uccide.

nuova casa

ora mi basta trovare un impiego, che sia uno stage oppure un lavoro, o tutti e due..

venerdì 26 agosto 2011

le risposte negative affondano nella cioccolata e nei buchetti dei crumpets

la mia carriera post periodo di illusione universitario è arrivata galoppando su un cavallo nero che non risparmia la testa di nessuno, con una lunga falce che raggiunge tutte le parti della mia esistenza.
largo alla realtà che mangia i risi in testa a quella parte sognante e creativa del cervello!!!
OLE'!! mi sembra di essere una mucca presa al lazo da un qualsiasi cowboy e chiusa in un recinto che non posso scavalcare a causa della mia grossa pancia e per via di quei goffi zoccoli che non dispongono del pollice opponibile.
IIIIIIIIII-HA!!!
è così che oggi è stata una giornata di grandi spese al supermercato della cellulite, una bella coppa sundae, stipata in un piccolo contenitore di plastica, e che prometteva grandi doti riparatrici al mio piccolo grande ego ferito si è rivelata una montagna di cioccolato e pan di spagna affondato nel cioccolato, con venature di vaniglia, stomachevole talismano pro-stitichezza, bilanciata da due crumpets super bucherellosi ben farciti con marmellata alla fragola, in dosi molto abbondanti, che ora sono ancora a metà strada fra la gola e l'esofago, a causa del rigetto naturale che il mio stomaco ha per certe schifezze, io credo che si faccia influenzare troppo dal fegato strillante che lo prega di rigurgitare questa uber-massa di grassi saturi e zuccheri.
In realtà è che non so cosa fare, sono da sola lontano da casa e non so cosa fare.

giovedì 25 agosto 2011

non arrivano risposte, da nessuna parte, ormai ho lanciato tutti i sassi che avevo in tasca, e non posso più far oscillare l'acqua.
diventerò uno stagno sterile dove nemmeno le alghe verranno a ricoprire la mia superficie, e la terra non assorbirà la mia sostanza perchè già ubriacata con altri fluidi.
Piove, per ora non posso sperare nell'evaporazione.

domenica 21 agosto 2011

sono partita, sarà possibile sentirsi a casa anche se molto lontano?

martedì 16 agosto 2011

è l'attesa che consuma e stanca più di ogni altra cosa

martedì 9 agosto 2011

vento... non ti vedo! i capelli mi vanno davanti agli occhi!
non scappare! voli più veloce delle nuvole!
come posso correre forte per raggiungerti?

il mare? non lo vedi! è tormentato come la nostra anima che ci cerca l'un l'altro.
ecco ora ti posso guardare, ora che siamo vicini.
il cielo grigio e bianco ti fa gli occhi belli..