domenica 21 novembre 2010

questa volta l'attesa sarà più straziante del solito,
forse per il cielo che c'è o per il tempo che è stato.
guardo Aiace ed Inanna, che nomi sacrileghi ho dato a quelle povere creature che ho destinato a vivere assieme ma sole, forse per renderli più forti per il nome che portano.
allora vorrei chiamarmi in modo diverso, vorrei trovarmi in un posto diverso, non perché sono costretta nel luogo in cui sono, ma perché da sempre sento di arrivare da una radice lontana, che non conosco ma mi manca.
poco.

1 commento:

  1. ciao mia cara, credo che l'invio della mail sia riuscita questa volta...

    :)

    RispondiElimina